Vai al contenuto

Vai al menu di navigazione

Vai alla fine del sito

Aderire ad ANITA

Per richiedere l'adesione ad ANITA è necessario compilare l'apposito modulo e, sulla base dei dati forniti, l'Associazione invierà una proposta di adesione - che non impegna in alcun modo nè l'impresa nè l'Associazione - con l'indicazione dell'importo annuale del contributo associativo e delle regole associative.

Verrà altresì rilasciata una password provvisoria - valida per 30 giorni - per accedere alla parte riservata del sito che, all'atto dell'adesione mediante il pagamento del contributo associativo, verrà modificata con una password definitiva.

Consulta la sezione per maggiori informazioni
Accesso Area Privata

Condividi questa News

  • img
    10/11/2017

    Pacchetto mobilità: il Parlamento europeo incontra ANITA

    Isabella De Monte, Ismail Ertug, Massimiliano Salini e Jens Nilsson sono i quattro parlamentari europei, di varie nazionalità, facenti parte della Commissione trasporti e relatori di alcune proposte tra le più impegnative del pacchetto mobilità UE, che insieme a Roberto Parrillo, Presidente dell’ETF (European Transport Federation), hanno dato vita ad un ampio dibattito sull’autotrasporto durante il convegno che si è svolto oggi a Verona.

    Thomas Baumgartner, Presidente di ANITA, ha aperto i lavori illustrando la posizione dell’Associazione sulle tematiche che riguardano il settore del trasporto stradale, inserite nel Pacchetto mobilità UE attualmente in discussione a Bruxelles, che ha trovato piena condivisione da parte degli ospiti europei, i quali hanno mostrato il proprio apprezzamento.

    “Nei prossimi sette mesi si deciderà il futuro del trasporto stradale” ha dichiarato il Presidente ANITA, Thomas Baumgartner, nel presentare le proposte dell’Associazione sui temi fondamentali come distacco, cabotaggio, accesso alla professione, tempi di guida e riposo dei conducenti professionali, di fronte ad un’ampia platea di partecipanti. “È stato importante ascoltare gli interventi dei relatori che sono perfettamente coincidenti con le nostre posizioni e faremo la nostra parte in Europa insieme ad altre 12 Associazioni europee del settore, con le quali abbiamo sottoscritto un documento programmatico già presentato alle Istituzioni dell’Unione”.

    “Serve forza di volontà e tanta determinazione, soprattutto in tema di cabotaggio, che nella proposta della Commissione rappresenta per ANITA una liberalizzazione di fatto, inaccettabile fino a che perdurino condizioni di dumping sociale e concorrenza sleale. Abbiamo bisogno di regole certe, di condizioni paritarie di concorrenza tra i vari Paesi membri dell’Unione prima di poter immaginare ulteriori liberalizzazioni” ha concluso il Presidente ANITA presentando un grafico sui costi degli autisti, illustrato durante un convegno internazionale di qualche mese fa organizzato dall’Associazione.

    Il convegno è terminato con una visita all’Interporto Quadrante Europa, considerato uno tra i più efficienti d’Europa.

    Scarica il documento

Torna su