Vai al contenuto

Vai al menu di navigazione

Vai alla fine del sito

Aderire ad ANITA

Per richiedere l'adesione ad ANITA è necessario compilare l'apposito modulo e, sulla base dei dati forniti, l'Associazione invierà una proposta di adesione - che non impegna in alcun modo nè l'impresa nè l'Associazione - con l'indicazione dell'importo annuale del contributo associativo e delle regole associative.

Verrà altresì rilasciata una password provvisoria - valida per 30 giorni - per accedere alla parte riservata del sito che, all'atto dell'adesione mediante il pagamento del contributo associativo, verrà modificata con una password definitiva.

Consulta la sezione per maggiori informazioni
Accesso Area Privata

Condividi questa News

  • img
    12/10/2017

    ANITA: no all’esclusione dei veicoli dal superammortamento

    Durante la giornata di ieri, è emerso un quadro pressoché definitivo sulle misure inserite nel pacchetto crescita della manovra che saranno varate con la prossima legge di bilancio. Tra queste risulta l’ipotesi di una proroga del superammortamento che esplicita l’esclusione dei veicoli adibiti al trasporto delle merci dal beneficio fiscale.

    “Se ciò si concretizzasse, costituirebbe un grave colpo sul processo di sviluppo e di ammodernamento delle imprese di autotrasporto – ha dichiarato il Presidente ANITA, Thomas Baumgartner – esclusione, peraltro, che procede in direzione contraria rispetto al progetto strategico del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, sulla sostenibilità ambientale, sociale ed economica”.

    Negli ultimi anni, l’intero settore dell’autotrasporto ha registrato importanti risultati proprio grazie alla leva fiscale del superammortamento e delle risorse destinate agli investimenti per l’acquisto di veicoli di ultima generazione a minore impatto ambientale.

    “I veicoli, per le imprese di autotrasporto, sono i beni strumentali per eccellenza – ha aggiunto Baumgartner, concludendo che – oltre il 70% del parco automezzi pesanti immatricolati in Italia circola ancora con vecchi motori classe Euro 4 e precedenti. Escludere il rinnovamento del parco circolante dalla misura del superammortamento significherebbe rinunciare al miglioramento della qualità dell’aria e della sicurezza stradale e, pertanto, ANITA fa appello al Governo affinché non si compia tale esclusione”.

    Scarica il documento

     

Torna su