Vai al contenuto

Vai al menu di navigazione

Vai alla fine del sito

Aderire ad ANITA

Per richiedere l'adesione ad ANITA è necessario compilare l'apposito modulo e, sulla base dei dati forniti, l'Associazione invierà una proposta di adesione - che non impegna in alcun modo nè l'impresa nè l'Associazione - con l'indicazione dell'importo annuale del contributo associativo e delle regole associative.

Verrà altresì rilasciata una password provvisoria - valida per 30 giorni - per accedere alla parte riservata del sito che, all'atto dell'adesione mediante il pagamento del contributo associativo, verrà modificata con una password definitiva.

Consulta la sezione per maggiori informazioni
Accesso Area Privata

Condividi questa News

  • img
    22/01/2016

    Riforma portuale: approvato il decreto di riorganizzazione delle Autorità

    Il Consiglio dei Ministri, nei giorni scorsi, ha approvato in via preliminare il decreto di “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle autorità portuali”, presentato dal Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, in attuazione dell’articolo 8, comma 1, lettera f) della legge 7 agosto 2015, n. 124.

    Il provvedimento, che punta sulla competitività dei porti italiani anche in un’ottica di sostegno al ruolo dell’Italia come piattaforma logistica del Mediterraneo, si introduce nelle politiche e nelle azioni per il rilancio della portualità e della logistica intrapreso dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

    Il decreto attuativo include una serie di misure volte alla riorganizzazione amministrativa del sistema portuale nazionale, con la riduzione delle attuali Autorità Portuali da 24 a 15, sostituite dalle c.d. Autorità di Sistema Portuale (AdSP),  che avranno sede nei porti definiti core in base alla normativa europea.

    Oltre a ridisegnare la governance delle AdSP, il provvedimento introduce significative norme di semplificazione. Infatti, rispetto agli attuali 113 procedimenti amministrativi, svolti da 23 soggetti, funzioneranno lo Sportello Unico Doganale e dei Controlli, da realizzare sotto il coordinamento funzionale  dell’Agenzia delle Dogane, e lo Sportello Amministrativo Unico, un front office per tutti i procedimenti amministrativi e autorizzativi che non riguardano le attività commerciali  e industriali. Due sportelli che abbasseranno drasticamente i tempi di amministrativi e di sdoganamento delle merci.

Torna su