Vai al contenuto

Vai al menu di navigazione

Vai alla fine del sito

Aderire ad ANITA

Per richiedere l'adesione ad ANITA è necessario compilare l'apposito modulo e, sulla base dei dati forniti, l'Associazione invierà una proposta di adesione - che non impegna in alcun modo nè l'impresa nè l'Associazione - con l'indicazione dell'importo annuale del contributo associativo e delle regole associative.

Verrà altresì rilasciata una password provvisoria - valida per 30 giorni - per accedere alla parte riservata del sito che, all'atto dell'adesione mediante il pagamento del contributo associativo, verrà modificata con una password definitiva.

Consulta la sezione per maggiori informazioni
Accesso Area Privata

Spiacenti, per consultare il matelriae presente in questa sezione si necessita l'adesione al nostro sito. Compilando l'apposito modulo presente nella pagina Adesione e, sulla base dei dati forniti, l'Associazione invierà una proposta di adesione - che non impegna in alcun modo l'impresa - con l'indicazione dell'importo annuale del contributo associativo.

News delle Legislazioni
  • Pedaggi autostradali 2014 (Destinazione fondi)

    06/10/2014

    Il Comitato centrale dell’Albo ha approvato la delibera con la quale ha stabilito di destinare provvisoriamente l’importo di € 58.090.060 per gli interventi relativi al 2014 per le riduzioni dei pedaggi autostradali pagati nel 2014.

  • Trasporti Eccezionali - Integrazioni e chiarimenti alla Direttiva 1 luglio 2013

    24/09/2014

    Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha emanato la Direttiva 10 settembre 2014 “Integrazioni e chiarimenti alla Direttiva 1 luglio 2013 sui veicoli eccezionali e trasporti in condizione di eccezionalità” accompagnandola opportunamente con un “Testo integrato” delle disposizioni sin qui emanate, al fine di rendere più agevole la lettura della complessa normativa.

  • NORMATIVA FISCALE – Risorse per investimenti

    22/09/2014

    Nell’ambito delle risorse attribuite per il 2014 al settore dell’autotrasporto, 15 milioni sono stati destinati agli investimenti relativi agli “aiuti per la tutela ambientale” per la prosecuzione degli interventi volti a realizzare l’utilizzo di modalità di trasporto alternative al trasporto stradale e all’ottimizzazione della catena logistica.

  • PEDAGGI – Direttiva del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti per la operatività della riduzione compensata dei pedaggi autostradali

    19/09/2014

    Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti è stata pubblicata la direttiva, con la quale il Ministro fornisce all’Albo le indicazioni operative per la riduzione compensata dei pedaggi autostradali.

  • Ambiente: Attestazione dell’idoneità dei mezzi di trasporto in relazione ai tipi di rifiuti da trasportare ai sensi dell’articolo 15, comma 3, lettera a) del nuovo regolamento

    17/09/2014

    In riferimento al nuovo regolamento dell’Albo Gestori Ambientali, D.M. 3 giugno 2014 n. 120, comunichiamo che il Comitato Nazionale dell’Albo ha emanato lo schema da utilizzare per l’attestazione dell’idoneità dei mezzi di trasporto in relazione alla tipologia di rifiuti da trasportare.

  • AMBIENTE - Modulistica per l’iscrizione all’Albo ai sensi del nuovo regolamento

    08/09/2014

    In riferimento al nuovo regolamento dell’Albo Gestori Ambientali, il Comitato Nazionale dell’Albo ha approvato la modulistica per l’iscrizione nelle categorie 1, 4, 5, 8, 9 e 10, nonché il modello relativo alla dichiarazione di accettazione dell’incarico del responsabile tecnico.

  • Carta qualificazione conducente: Rinnovo di validità quinquennale delle qualificazioni CQC

    05/09/2014

    Il Ministero delle infrastrutture e trasporti ha emanato la circolare con la quale è tornata sul tema del rinnovo della CQC, ricordando che la Commissione UE ha contestato il rilascio di CQC con validità superiore ai 5 anni in quanto in contrasto con la direttiva 2003/59/CE.

  • Costi minimi: sentenza UE

    04/09/2014

    La Corte di Giustizia di Lussemburgo si è pronunciata sulle questioni pregiudiziali sottopostele dal T.A.R. del Lazio, sancendo la contrarietà della normativa sui costi minimi di esercizio rispetto al diritto dell’Unione europea.

Torna su